Torna alla Home Torna agli articoli post image
Digital Marketing06.07.2018

FED 2018: il futuro di domani

Questa settimana, in mezzo alle 1.700 persone che riempivano la sala del MiCo di Milano in occasione del FED 2018, c’eravamo anche noi!

 

L’edizione 2018 del FED (Forum dell’Economia digitale) si è rivelata uno sguardo, dal passato verso il futuro, in cui sono state approfondite numerose tematiche digitali e dove abbiamo assistito a un mondo diverso, di cambiamento, più ricco di spunti, di idee, di creatività. Un mondo di innovazione che ci ha ispirati per ripensare il futuro di domani.

 

Protagoniste dell’evento sono state le competenze digitali. La storia di noi uomini, infatti, è sempre stata segnata da evoluzioni e scoperte, come il fuoco, la ruota, l’automobile… Ogni intuizione si rende dunque fondamentale per il progresso, allo stesso modo in cui le competenze digitali lo sono per cogliere le opportunità offerte dalla tecnologia e avanzare.

 

Nel corso della giornata, sono saliti sul palco manager, imprenditori di successo, esperti, accademici e personalità del mondo dello spettacolo, ognuno lì per lasciare il proprio prezioso contributo e spronare noi giovani spettatori del nuovo millennio a intraprendere la nostra strada verso il digitale.

Come Alessio Rossi, presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, che ha puntualizzato quanto sia importante per un’azienda investire in capitale umano – oltre che nella digitalizzazione degli impianti e dei processi –, dal momento che quanto più aumentano le competenze digitali, tanto più aumenta anche la qualità del lavoro.

 

Dello stesso avviso si è detto anche Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia, che nel suo intervento ha ricordato come il 70% delle PMI su Facebook, in fase di assunzione, abbia dato maggior rilievo alle competenze digitali e alla conoscenza dell’utilizzo dei Social Network, rispetto al percorso di studi intrapreso dal candidato in questione.

 

Il successivo intervento di Ciaran Quilty, vicepresidente di Facebook EMEA per le PMI, ci ha fornito l’occasione per riflettere su qualche dato. Entro il 2020, il 25% della popolazione mondiale utilizzerà solo la tecnologia mobile. Entro il 2030, si stima che questa percentuale triplicherà. Quilty ha aggiunto poi che, a influire nella crescita economica delle PMI italiane per mezzo delle nuove tecnologie, sono stati i recenti mezzi di comunicazione, come Whatsapp, e i Social Network.

 

FED-2018-interna

 

Il digitale insomma è in grado di portare enormi cambiamenti nella società, e nell’economia soprattutto. A raccontarcelo è stato Alessandro Benetton, fondatore di 21 Investimenti, che ha portato sul palco del FED 2018 la propria esperienza di imprenditore, che testimonia quanto il cambiamento sia inevitabile se si vuole spianare la strada verso il progresso. Il digitale, infatti, è l’unico settore, in Italia, che è stato capace di crescere del 18% negli ultimi 5 anni: una cifra che fa riflettere e che è la riprova del fatto che l’investimento nel digitale costituisca una priorità.

 

Chi ha fatto questo investimento e ne ha colto i frutti è il rapper Ghali, che si è aperto al pubblico raccontando la sua storia. Partito dai sobborghi della periferia Ovest di Milano, ha iniziato la sua futura carriera condividendo le prime canzoni su MySpace, passando poi alla realizzazione dei primi video che sarebbero finiti su YouTube. Oggi, dice, «i canali sono cambiati: dalla TV allo smartphone, la creatività deve andare di pari passo. La gente se ne accorge. Ormai, le pubblicità che si facevano una volta non attaccano più, serve sempre più verità. La verità è una necessità.»

 

Tra gli altri presenti, Simone Maggi (co-Founder e CEO Lanieri), Stefano Borghini (architetto del Parco Archeologico del Colosseo), Salvatore Aranzulla (Founder di Aranzulla.it), Luca Sofri (direttore de Il Post), Giorgio De Rita (segretario generale CENSIS), Antonio Nicita (commissario Agcom), Davide Casaleggio (Presidente di Casaleggio Associati), Mario Calabresi (direttore de La Repubblica), Eugenio La Teana (responsabile Ricerca e Sviluppo di RTL 102.5), Andrea Scotti Calderini (co-Founder e CEO Freeda), Matteo Lunelli (presidente e amministratore delegato di Cantine Ferrari) e Sergio Dompé (presidente del Gruppo Dompé).

 

Dal canto nostro, in una giornata così ricca di spunti di riflessione, anche noi abbiamo ripensato al nostro futuro di domani, trovandoci più che mai d’accordo con il pensiero di Davide Dattoli, Founder e CEO di Talent Garden, secondo cui “The best way to predict the future is to invent it”.

Contattaci